Animali domestici

Dieci cose da sapere se hai un coniglio nano in casa

coniglio-nano-in-casa

Avere un coniglio nano in casa non è più qualcosa di anomalo. Prima i conigli erano considerati animali da fattoria, utili da allevare per essere poi serviti a tavola. Oggi, alcune razze di conigli, soprattutto quelle di piccole dimensioni, sono state riconosciute come animali di compagnia tanto che molti allevamenti sono stati chiusi. Al posto loro, si sono diffusi rifugi dove poter andare per adottare un coniglio o per acquistarne uno di razza.

Il coniglio come animale domestico è molto spassoso, contrariamente a quanto si potrebbe credere. Molti pensano che sia di poca compagnia o che non sia in grado di dare abbastanza affetto, soprattutto se messo a paragone con cani e gatti. Non è così, come potranno testimoniare tutte le persone che ne hanno avuto degli esemplari in casa. Grazie alla loro aria buffa, alla loro grande passione per il cibo e ai loro saltelli vivaci allietano le tue giornate facendoti sentire la loro presenza e vicinanza.

Tuttavia, prendere un coniglio nano in casa non è qualcosa da fare con leggerezza. È impegnativo da curare e ha bisogno di costanti attenzioni e di vicinanza con il padrone. È lecito non sapere molto sul mondo dei conigli se non se n’è mai avuto uno. Ma, quando si sceglie di averlo in casa, ci sono delle cose che non possono essere ignorate.

Ecco quindi 10 cose che devi assolutamente sapere sui conigli nani.

1. I conigli nani devono avere spazio

Si ha spesso l’immagine del coniglio nano in gabbia. Non c’è nulla di più sbagliato. Le piccole dimensioni non giustificano la permanenza dell’animale dietro le sbarre.

Ai conigli piace correre e saltare, non gli piace essere reclusi. Quindi, dovresti dedicare uno spazio in casa completamente a loro oppure lasciarli liberi di muoversi in tutto l’appartamento. Se hai paura che sporchi, sappi che puoi addestrare il tuo compagno peloso a fare i bisogni nella propria cassettina. Devi avere un po’ di pazienza, ma imparerà.

È vero, però, che questi piccoli amici amano i tunnel e gli angoli di casa. In natura, la maggior parte dei conigli vive all’interno delle loro tane dove si sentono al sicuro. Il tuo animale domestico istintivamente andrà verso luoghi stretti dove potrà sentirsi riparato da eventuali minacce. Potresti regalare al tuo coniglio nano un piccolo tunnel, anche fabbricato con delle vecchie scatole che non usi più. Te ne sarà molto grato, sicuro.

2. I conigli nani sono animali socievoli

I conigli in natura vivono in branchi. Se vuoi prenderne uno da avere in casa, cerca di non lasciarlo per troppo tempo da solo perché non lo sopporterebbe e diventerebbe triste. Nel caso in cui tu sappia di dover star fuori a lungo a causa del lavoro, dovresti cercare di adottarne almeno due in modo che si possano fare compagnia a vicenda. La coppia dovrebbe essere composta da un maschio e una femmina poiché è più facile farli convivere. Tuttavia, se non vuoi avere cuccioli, dovrai farli sterilizzare.

3. Il coniglio nano riconosce il padrone

I conigli nani sono creature molto intelligenti e abitudinarie. Sono perfettamente in grado di riconoscere i membri della sua famiglia anche perché, come abbiamo già detto, è un animale sociale che costruisce un vero e proprio branco.

Andrà alla ricerca del proprio padrone o della propria padrona per accoccolarsi in braccio ed essere accarezzato. Quando gradiscono le effusioni, i conigli digrignano leggermente i denti dalla gioia e ti leccano per dimostrarti la loro gratitudine.

4. Conigli nani e pulizia: lasciali fare

I conigli nani sono animali molto puliti. Si dedicano personalmente alla loro toletta e tu dovrai lasciarli fare senza intervenire. Lavarli con l’acqua, magari immergendoli in una bacinella o nel lavandino è assolutamente sconsigliato perché potrebbe provocare loro uno shock.

Devi spazzolare regolarmente il tuo coniglio nano, soprattutto nel periodo della muta del pelo. Se non lo fai, c’è il rischio che, leccandosi, il coniglio ingerisca una quantità di peli tale da provocarsi un blocco intestinale. Un problema del genere potrebbe essergli fatale.

5. Il coniglio mangia le palline di escrementi

Fa parte della dieta del coniglio ingerire parte dei loro escrementi, soprattutto quelli generati di mattina o durante la notte. Per quanto possa sembrare fastidiosa l’idea a noi esseri umani, va accettata se si vuole avere un coniglio nano in casa. Il motivo di questo comportamento è semplice: le loro feci possiedono un gran numero di nutrienti poiché sono formate dalla fermentazione di cibi che il coniglio ha ingerito. Per questo motivo, non devi sgridarlo o picchiarlo se lo trovi a farlo: non sarebbe giusto.

6. Il coniglio nano felice è un coniglio salterino

Per capire lo stato d’animo del tuo coniglio non ti resta che osservarlo. Sono creature espressive sia per quanto riguarda la paura, un’emozione che provano spesso essendo delle prede, che per la gioia. Nei momenti di gioia, il coniglio corre da una parte all’altra e salta in aria con movimenti selvaggi e poco aggraziati, ma molto buffi da guardare.

7. I conigli nani sono animali territoriali

Tra le caratteristiche del coniglio nano rientra anche il loro essere molto territoriali, un po’ come tutti gli animali.

Se trovi il tuo coniglio intento a strofinare il mento sulle superfici che lo circondano, non ti devi meravigliare: è il suo modo di marcare il territorio. Sul collo, infatti, hanno delle ghiandole olfattive che sfregano sulle cose e sulle persone per lasciare il loro odore e sentirsi sicuri nella propria casa.

8. Attenzione ai denti e alle vaccinazioni

I conigli nani devono essere vaccinati periodicamente per prevenire due malattie molto gravi, la mixomatosi e la MEV (malattia emorragica virale). Entrambe, possono essere contratte tramite la puntura di una zanzara infetta e risultano mortali per l’animale non vaccinato.

Inoltre, quando lo porti dal veterinario o dalla veterinaria, devi fargli sempre controllare i denti. Quest’ultimi crescono costantemente. Mangiando il fieno o rosicchiando dei rametti, i conigli riescono a limarli da soli in maniera naturale. Se questo non succede, bisogna intervenire artificialmente, altrimenti il coniglio inizierà a sentire un gran dolore mentre mangia e potrebbe smettere di farlo andando incontro a complicazioni spesso fatali.

9. La coniglia femmina è sempre in calore

A differenza di molti altri animali, e anche degli uomini, la coniglia non ha cicli di ovulazione in alcuni periodi dell’anno, ma avvengono solo dopo l’accoppiamento. Una coniglia ha periodi di calore molto lunghi, circa 4/10 giorni, che si alternando a periodi di riposo sessuale, di 1 o 2 giorni.

Anche la gestazione è molto veloce, di circa 28 giorni. Questo rende la riproduzione dei conigli molto semplice e immediata. Ecco perché se decidi di acquistare una coppia e non vuoi cuccioli intorno, dovrai per forza sterilizzarli.

10. Allergie al coniglio nano

È possibile che tu o persone che vivono con te abbiano delle allergie legate proprio al pelo del coniglio. Cerca di saperlo prima di prenderne uno. Molti conigli acquistati vengono poi abbandonati per strada perché ci si rende conto che prendersene cura è difficile. Non commettere questo tipo di errore. Se vuoi adottare un coniglio nano, preparati!

To Top