In viaggio con gli animali domestici: obblighi e premure

Se si decide di partire verso una meta estera con i nostri animali domestici, bisogna fare attenzione agli obblighi sanitari richiesti dai vari Paesi tra cui le vaccinazioni, certificati ed eventuale quarantena rivolgendosi al Consolato delle Nazioni dove si ha intenzione di recarsi.
Ovviamente bisogna conoscere anche i regolamenti delle varie Compagnie Aeree, marittime o ferroviarie che si intende utilizzare per il viaggio. Gli obblighi richiesti sono diversi da Stato a Stato e alcuni prevedono anche un periodo di quarantena come ad esempio Australia, cuba, Gran Bretagna.
Quando si vuole andare via con il nostro cane o gatto è necessario controllare il libretto delle vaccinazioni per integrare o fare i richiami necessari. Il libretto va controllato circa due mesi prima della partenza soprattutto se si ha intenzione di andare all’estero o anche in zone dell’Italia dove è obbligatoria la vaccinazione antirabbica.La vaccinazione antirabbica deve essere fatta almeno un mese prima della partenza per essere valida e va portato appresso anche il libretto sanitario dell’animale dove sono registrate tutte le vaccinazioni che sono state fatte all’animale.
Per viaggiare in Europa, in Canada e negli Stati Uniti occorre anche avere un certificato di buona salute internazionale di Origine e Sanità. Il certificato viene rilasciato da un da un veterinario della ASL di competenza per la zona di residenza o da un veterinario autorizzato.

Le indicazioni che devono essere riportate sul certificato di buona salute devono essere le seguenti:

1- Il vaccino antirabbico deve essere stato somministrato da più di 20 giorni e da meno di 11 mesi.
2-La data della visita del rilascio che attesta la buona salute dell’animale.

Il certificato è valido per 30 giorni, ma è sempre meglio informarsi presso il Consolato del Paese dove si intende andare con l’animale perché la durata delle validità del certificato può essere diversa dai 30 giorni. Ad esempio in Brasile il Certificato di buona salute internazionale vale 5 giorni ovvero tra la data del rilascio e la partenza non deve trascorrere un tempo superiore ai 5 giorni. Inoltre il certificato va vidimato presso il Consolato brasiliano entro gli stessi 5 giorni.
Vanno anche prese precauzioni contro eventuali germi ,virus, batteri, tipici della zona geografica dove si intende andare per cui è consigliato proteggere l’animale con vaccinazioni, con la somministrazione di appositi farmaci. O seguendo alcune norme igieniche.
Per esempio in in Sardegna è diffusa una tenia, l’echinococco. Che si impianta nell’intestino del cane senza presentare alcun sintomo. L’infezione si contrae mangiando carni di ovini malati per cui l’animale va alimentato solo con carni cotte.