Un neonato di alpaca al parco faunistico Cappeller

alpacaIl parco faunistico Cappeller, a Carigliano, in provincia di Vicenza ha un nuovo fiocco azzurro. Infatti vi è nato un cucciolo di alpaca e i bambini sono stati invitati a trovargli un nome. Il neonato è un maschietto, ed è nato nella notte tra venerdì 23 e sabato 24 agosto è stato scoperto al mattino presto dagli operatori dello parco faunistico. Il parco in questi anni ha visto molte nascite dopo la sua inaugurazione avvenuta già nel 1998. Ospita circa 1000 animali ed ora possiede un’area di circa 40 mila metri quadrati. Gli animali appartengono a duecento specie diverse tra cui splendidi fenicotteri il cui numero solo due settimane fa si è arricchito di dieci neonati.
Il parco faunistico è stato inaugurato nel 1998 e ora in 40 mila metri quadrati di area faunistica ospita circa mille animali di duecento specie diverse. Oltre all’esemplare di Alpaca, due settimane fa sono nati dieci fenicotteri. In febbraio è avvenuta anche una nascita molto rara in cattività con l’arrivo di un cucciolo di bradipo anche grazie all’aiuto ad alcuni esperti di ostetricia veterinaria di un parco faunistico tedesco. Nel 2012 erano nati un macaco, un tapiro, una scimmia Saimiri e una scimmia «guereza», il tutto grazie alle buone condizioni di vita e agli ampi spazi che sa offrire il parco faunistico.

Il nuovo nato, come dicevamo, è un maschietto di alpaca, un mammifero originario dell’America meridionale che è simile al lama. Il suo mantello è folto di lana e le sue dimensioni sono all’incirca come quelle di una pecora. L’alpaca è un camelide ed ha un collo molto lungo pur assomigliando ad una pecora.E’ un ruminante e mangia circa un chilogrammo di vegetali al giorno e non ha bisogno di grandi quantità di acqua.
Per ora il cucciolo è alto circa 50 cm ed è accudito da mamma Lana e papà Spit. Gli esemplari di alpaca che vivono nel parco faunistico sono 5 e circa un anno fa, Lana e Spit avevano dato alla luce Paco, un altro cucciolo che ora ha un fratellino. Il neonato viene allattato da mamma Lana poi si nutrirà di erba, foglie e fieno. Gli alpaca possono riprodursi anche una volta all’anno dopo una gravidanza di 11 mesi.
Ora è necessario dare un nome al nuovo cucciolo e sono stati invitati i bambini che visiteranno il parco a farlo lasciando un biglietto nella cassetta posta vicino al recinto.