Animali domestici

Vai in ferie? Ci sono i pet-sitter

images (9)Non abbandonare gli animali domestici quando si va in ferie è richiesto dalla legge e chi lo fa commette un reato (Legge 189/04), e può essere punito con un’ammenda sino a 10.000 euro o con l’arresto fino a un anno. Inoltre chi assiste ad un abbandono può raccogliere tutti gli elementi necessari ad individuare i responsabili e rivolgersi ai Carabinieri/Polizia di Stato, al Corpo Forestale o alla Polizia locale. Ma spesso è complicato portarsi in viaggio o i vacanza in nostro animale domestico ed ecco che anche in Italia son nati i pet-sitter, un lavoro estivo in aumento anche a causa della crisi occupazionale. Durante i mesi estivi la richiesta di pet-sitter aumenta anche del 50% come viene confermato anche da gattili e canili. L’offerta è varia, ci sono pet-sitter che ospitano gli animali a casa propria, quelli che invece li portano solo a fare delle passeggiate (i dog walker), C’è chi preferisce portarli a spasso in gruppetti e chi invece preferisce un giro individuale. La clientela che richiede tali servizi è diventata più esigente e se un tempo ci si accontentava di avere qualcuno che guardasse i nostri animali e che li portasse una ciotola di cibo e un po’ d’acqua, oggi invece oggi le richieste sono più alte.

Fare il pet-sitter è diventata una professione che non si improvvisa. Servono lezioni e corsi in canile con cinofili. Esiste anche un albo professionale dei pet-sitter creato dall’Associazione nazionale per la tutela del pet sitter che organizza anche dei corsi. Molti pert-sitter sono anche addestratori e, durante l’estate, quando i padroni sono in vacanza, gli animali vengono adestrati in modo che al nostro ritorno li troveremo più bravi ed ubbidienti. I pet-sitter devono conoscere gli animali che ospitano perché tenere un doberman è diverso dal tenere un cavalier king, E i padroni, prima di affidarli, devono informare i pet-sitter su eventuali malattie e relative, sul carattere, sui cibi, orari e quantità dei pasti. I dog-sitter di solito informano i padroni in vacanza sullo stato degli animali con messaggini e anche foto.

I prezzi variano a seconda della razza e della taglie dell’animale. Il costo medio per il pensionamento di un gatto, cibo escluso, va da 6 ai 10 euro al giorno. Per un cane dai 10 euro in su. Dipende da taglia e razza. Per il dog-walking dai 10 ai 15 euro.
Molti pet-sitter si occupano di ospitare anche pesci, tartarughe, furetti, conigli e uccellini.
Quindi non abbandonate gli animali, con una piccola spesa lasciateli con personale specializzato che li cura e li sorveglia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top