Cani

Addestramento cani senza istruttore: metodi e consigli utili

Addestramento-cani

Il cane è il migliore amico dell’uomo. Lo sappiamo tutti e capiamo il perché di questo modo di dire. Basta guardare lo sguardo che uno qualsiasi di questi quadrupedi riserva al proprio padrone per capire che mai generalizzazione è stata più vera.

Nessun legame – neanche tra esseri umani – può essere così forte se non è regolato da dinamiche sane e da un rispetto del proprio ruolo. Questo è tanto più vero quando si ha a che fare con gli animali. Quando si decide di prendere un cane, bisogna essere anche predisposti a prendersene cura e questo significa anche educarlo.

L’addestramento del cane è fondamentale. Non solo per far vivere meglio il tuo amico in società, ma anche per migliorare il vostro rapporto. Non sempre è necessario portarlo da un professionista. Ci sono delle cose che puoi insegnargli personalmente con un po’ di tempo e buona volontà. Ti suggeriamo qualche trucco.

Come si fa a educare un cane?

L’educazione e l’addestramento di un cane non sono sinonimi. O meglio, lo possono essere nelle conversazioni quotidiane, ma quando caliamo questi due termini nel mondo canino è opportuno fare delle distinzioni.

L’educazione è l’insieme delle regole che il cane deve rispettare per vivere in casa e al di fuori. Puoi insegnargli a fare i bisogni all’esterno e non all’interno o a non mordere mobili e oggetti che non siano comprati appositamente per lui/lei.

L’addestramento, invece, riguarda la capacità del cane di associare un comportamento o un’azione a un comando che proviene da te. Dal banale dare la zampa fino al più significativo camminarti di fianco anche senza guinzaglio. Rispondere al tuo ordine permetterà al cane di non agire d’istinto e di non creare situazioni di disagio. Se, ad esempio, sei in un parco ed è presente un altro cane, puoi impedirgli di aggredirlo tenendolo vicino a te.

Come insegnare i comandi al cane

Esistono diversi modi per insegnare i diversi comandi al tuo compagno. Qualsiasi sia la metodologia che adotterai, ricorda sempre una cosa: un corretto addestramento di cani non può prescindere dal divertimento. Devi trasformarlo in gioco così che il tuo animale possa imparare meglio e in fretta. Il vostro legame ne uscirà rafforzato.

La ripetizione è la chiave di tutto. Per imparare, il tuo cucciolo ha bisogno di reiterare le azioni dopo aver sentito o visto il comando.

Addestramento verbale

Il modo più semplice e più comune per addestrare un cane è usare una serie di comandi vocali. “Seduto”, “zampa”, “terra”, “fianco”, “resta” sono tra i più noti e possono essere facilmente insegnati senza bisogno dell’aiuto di un professionista.

Ma come fare? Devi fare in modo che il cane memorizzi l’azione da associare al comando vocale. Puoi ottenere questo solo ripetendoglielo spesso durante la giornata, senza esagerare altrimenti rischi di far annoiare il cane. Per incentivare l’apprendimento, devi adottare la tecnica del rinforzo positivo. Quando il tuo amico a quattro zampe esegue correttamente un comando, premialo con un biscotto. In questo modo, il cane assocerà l’obbedienza a qualcosa di positivo e sarà più incentivato a ricordare il comando e a eseguirlo di nuovo. In alternativa al cibo – almeno dopo un po’ di tempo – puoi anche adoperare le carezze o le coccole.

Per l’addestramento vocale ti diamo un piccolo suggerimento: scegli parole brevi e secche. Il tuo cane non capisce il linguaggio, ma il suono tanto che in molte scuole di addestramento cinefilo si usa il tedesco che ha una fonetica molto più incisiva. Di conseguenza, usare una frase o più parole può confonderlo.

L’addestramento con i gesti, con il fischietto e con il clicker

Al posto del comando vocale puoi usare anche un gesto, dei suoi prodotti con un fischietto oppure un telecomando che emette suoni particolari.

L’addestramento gestuale è consigliato per i cani che hanno problemi di udito, altrimenti sarebbe meglio preferire le altre tipologie. Nel caso in cui si decida di associare un gesto a un comando, bisogna renderlo molto esplicito in modo che il cane non si confonda con altri gesti che facciamo quotidianamente.

L’addestramento con il fischietto è molto difficile da realizzare anche quando si ha a disposizione un oggetto specifico per i cani. I suoni che si possono produrre sono limitati e si rischia di confonderli non rendendo chiaro all’animale che cosa deve fare.

Il clicker, invece, è uno strumento specifico che molti usano anche per addestrare gatti e pappagalli. In ognuno di questi casi, però, è importante usare il rinforzo positivo per permettere al tuo cane di memorizzare l’azione e il comando.

Quando si può iniziare ad addestrare un cane?

L’addestramento di un cane può iniziare una volta superato il periodo neonatale che arriva fino a 4 mesi di vita. Una volta completate le prime fasi di sviluppo, puoi iniziare il tuo lavoro. Prima lo farai, prima otterrai migliori risultati.

Come insegnare i comandi a un cucciolo

È chiaro che più il tuo cane è giovane, più farà fatica a concentrarsi visto che sarà molto attivo e tenderà a interessarsi a qualsiasi cosa si muova. Ecco perché devi cercare di addestrarlo sfruttando il gioco e devi fare tane sessioni al giorno di pochi minuti ciascuna. Ti consigliamo di non andare oltre i 5/10 minuti e di farlo massimo tre volte al giorno.

Cose da non fare durante l’addestramento per cani

Se il cane non afferra subito il comando, evita di sgridarlo o di urlargli contro. Non porterà a nulla. Quando fa qualcosa di sbagliato puoi usare un tono più duro e deciso, ma solo se il cane sta facendo l’azione o l’ha appena conclusa, altrimenti servirà a poco. Questo riguarda sopratutto l’educazione; puoi rimproverarlo, ad esempio, quando fa la pipì in casa. È chiaro che in nessun caso l’animale va picchiato o maltrattato.

Per addestrare il tuo compagno a quattro zampe ci vuole molta calma e soprattutto pazienza. Ripetigli il comando e se hai grandi difficoltà, rivolgiti a un professionista. La dolcezza è il modo migliore per creare una sana relazione con il tuo cane. Quindi, coccolalo e parlagli con affetto.

L’addestramento sarà un momento determinante per la relazione tra te e il tuo cane. Vivilo con serenità, con gioia… e sopratutto divertiti!

To Top