Cani

Il mal d’auto nei cani

Molti di noi hanno in casa un fidato amico cane che ci dà tanto affetto e tante “slappatine”, che ci tiene compagnia e ci ubbidisce quasi sempre. Ci dispiace doverlo lasciare a casa da solo e quando andiamo via desideriamo portarlo con noi. Se si va a spasso a piedi va tutto bene, ma se dobbiamo muoverci in macchina spesso il nostro caro animale soffre di mal d’auto e quando si va a fare una gita sono … dolori! Vediamo come fare prima e durante il viaggio.

Le variazioni di movimento, ovvero gli sbalzi e la velocità dell’auto possono provocare un disturbo detto chinetosi o cinetosi, e se il cane si trova su un qualsiasi mezzo di trasporto può presentare svariati disturbi. La povera bestiola può emettere tanta saliva, deglutendo continuamente o leccandosi le labbra, può avere un respiro affannoso, presentare tremori o agitazione, può anche avere sforzi di vomito e anche un vero e proprio vomito.  Il malore è provocato da difficoltà nelle’equilibrio dell’animale che è controllato dall’orecchio interno, dal sistema vestibolare. L’equilibrio è turbato dal movimento dell’auto, cosa che succede anche negli uomini e che va curata con cure adeguate. L’equilibrio sfalsato provoca vertigini e quindi anche il vomito e tutti gli altri disturbi del cane. Se poi l’animale ha avuto alcune esperienze negative, cioè ha sofferto in auto, ecco che interviene anche una situazione di stress e il cane associa l’auto alla sensazione di nausea e manifestare i disturbi ancor prima di salire in auto. Spesso ri rifiutano di salire a bordo e sono stressati e ansiosi per paura di star male.

Che fare, allora?

A meno di non restare a casa e di rinunciare a gite e viaggi oppure dover affidare il cane a mamme, nonne, zie, canili, bisogna riuscire ad abituare il cane ai viaggi in auto fin da quando è un piccolo cucciolo. Come? Ad esempio portando spesso il cagnolino in luoghi che gli piacciono, ad es un parco che non sia molto lontano. Si deve anche far abituare il cuccioletto all’ambiente della macchina. Farlo salire anche se non si deve andare via, lasciare che la annusi e la lecchi, fargli trovare nell’abitacolo qualche suo giochino.

Prima del viaggio non dare da mangiare o da bere al cagnolino, meglio se è digiuno da un paio di ore e senza aver bevuto da un’ora. Durante il viaggio, poi, bisogna tenere il cane tranquillo e anche noi dobbiamo mantenere la calma. Abbassare un po’ i finestrini per avere aria fresca all’interno dell’abitacolo e, se il viaggio è lungo, fare delle soste frequenti in modo che il cane possa scendere a sgranchirsi le zampe.  Se nonostante questi accorgimenti il nostro cane dovesse stare ancora male, allora rivolgersi al veterinario che gli prescriverà dei farmaci adatti.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top