Cani

I cani Terranova: tutto ciò che devi sapere

terranova

Nero, grande, pieno di peli, occhi dolci che rispecchiano il carattere: questa è l’immagine che subito viene alla mente quando ci si immagina un Terranova.

Un cane simile è molto bello da vedere, ma quali sono le caratteristiche che lo contraddistinguono? Andiamole a scoprire.

Le origini del Terranova

La razza di Terranova (anche nota con il nome di Newfoundland) deve il suo nome alla all’isola canadese in cui viveva originariamente. Lì, questi cani venivano usati dagli indigeni per trainare carichi pesanti o reti da pesca, vista la loro mole. Inoltre, i Terranova mostravano una particolare attitudine per i salvataggi in acqua.

Come il Terranova sia arrivato in Canada è ancora oggetto di indagine. C’è chi pensa che si tratti una razza vichinga che discende dai cani orso e chi dice che deriva da una razza asiatica. La verità potrebbe essere nel mezzo: il Terranova potrebbe essere un incrocio tra questi due tipi di cani.

Le caratteristiche fisiche del Terranova

Non è difficile notare un Terranova che cammina per strada.

È un cane di grossa taglia, massiccio e muscoloso. Il peso di un Terranova maschio si aggira intorno ai 60/70 kg, mentre l’altezza si aggira intorno ai 70 cm. Le femmine sono meno massicce e più basse (arrivano massimo a 55 kg e a 66 cm), ma sono più lunghe. Questa mole non deve far pensare a un cane scoordinato, perché non è così. Il Terranova, anzi, è molto agile nei movimenti.

Ciò che risalta guardando la testa ampia e il muso corto sono gli occhi (che possono essere marroni o neri). La loro espressione sembra triste, ma sono carichi di dolcezza.

Una delle caratteristiche fisiche tipiche del Terranova è il manto impermeabile all’acqua. Questo tratto, insieme alle zampe palmate e alla coda folta che usa come fosse un timone, rende i cani di questa razza dei nuotatori provetti. Ecco perché spesso vengono usati nelle missioni di salvataggio in mare.

I colori del manto del Terranova

Il colore più comune per un cane Terranova è il nero. Ma esistono anche dei cani dal manto marrone e alcuni bianche con macchie nere.

Il pelo del Terranova deve essere spazzolato con regolarità, altrimenti finisce per diventare ispido e di aggrovigliarsi. La muta avviene 2 volte all’anno: una in inverno e un’altra in corrispondenza dell’estate.

Terranova: carattere

Il carattere del Terranova lo rende un ottimo compagno per l’essere umano. È molto socievole con tutti, ma si affeziona soprattutto alla persona che se ne prende cura. È un gran giocherellone e questo significa che può stare in compagnia di bambini. Nei confronti degli altri animali è benevolo, soprattutto se sono parte della sua famiglia. Questo lo rende particolarmente inadatto a fare il cane da guardia.

È un cane dolce, vivace ma quanto basta, intraprendete e testardo. È stato spesso soprannominato il “gigante buono” proprio perché nonostante la sua stazza è molto docile e amichevole. È intelligente, affidabile e fedele.

Per averlo in casa non ti servono tanto i grandi spazi, ma è importante che tu gli sia accanto. I Terranova per stare bene non hanno bisogno di un vasto prato, ma della tua presenza! Di sicuro, però, se lo tieni in casa devi educarlo sin da piccolo.

Come curare un Terranova al meglio

L’alimentazione del Terranova

Per far crescere al meglio il tuo Terranova, devi fare in modo che la sua dieta sia bilanciata e ricca sin da quando è cucciolo/a.

Se deciderai di optare per alimenti commerciali, cerca quelli che sono bilanciati dal punto di vista dei nutrienti. Così non dovrai neanche aggiungere l’integrazione di calcio. Se vuoi, invece, preparargli tu il cibo, devi consultare un veterinario di fiducia per far sì che non gli manchi nulla. Il Terranova deve mangiare almeno 2 volte al giorno perché altrimenti può andare incontro a una dilatazione gastrica. È importante anche farlo bere tanto visto che è un cane che tende a sbavare.

Gestione quotidiana del Terranova

Se non hai un giardino a disposizione dove tenere il cane, devi portarlo fuori almeno 3 volte al giorno per farlo camminare e per i bisogni.

Dato che è un cane che ama l’acqua e il nuoto è nel suo DNA, potresti portarlo con te al mare e fare in modo che si diverta un po’ dentro l’acqua.

Devi ricordarti di spazzolarlo spesso non solo per evitare la formazione di nodi, ma anche per togliere le cellule morte, la polvere e i residui vegetali.

Le malattie tipiche del cane Terranova

Come il Golden Retriever è soggetto ad alcune patologie congenite, così anche il Terranova. In particolare, questa razza è più predisposta alla displasia dell’anca e del gomito, ovvero allo sviluppo scorretto delle articolazioni.

Per evitare che succeda, devi curare il tuo cane fin da cucciolo. Ad esempio, devi evitare che mangi troppo e diventi obeso perché costituirebbe un fattore di rischio. Quindi, limita la golosità del Terranova.

Possono presentarsi anche malattie cardiache, disturbi alle palpebre o infezioni alle labbra. Non è raro che il cane abbia dei colpi di calore, visto il suo folto manto.

Cane Terranova: prezzo

Il modo più sicuro per acquistare un cane di razza è quello di comprarlo in un allevamento riconosciuto dall’ENCI. Solo così potrai essere certo/a della genealogia del tuo animale.

Questo significa che il prezzo non sarà proprio economico. Un cucciolo di Terranova viene venduto solitamente a partire dai mille euro. Una cifra simile è dovuta anche al fatto che si tratta di una razza molto richiesta. È fondamentale, al momento dell’acquisto, avere il pedigree.

Puoi adottare un cucciolo di Terranova dopo due mesi dalla nascita e assicurarti che abbia già effettuato i primi vaccini e i controlli di routine, così come che abbia già il microchip.

Si tratta di un cane impegnativo, non solo economicamente, ma soprattutto in termini di tempo e di attenzioni. Il Terranova ti ripagherà con tutta la dolcezza e l’amore di cui è capace (che non è poco!)

To Top